Consigli L'attesa

Spremere il colostro in gravidanza?

Perché estrarre il colostro durante la gravidanza?

Perché avrai un po’ di colostro risparmiato e a portata di mano per il post nascita, se il tuo bambino ne avesse bisogno.

“Con i bambini che sappiamo potrebbero probabilmente essere di basso peso alla nascita o bambini noti per crescita limitata o a rischio di ipoglicemia, può essere fantastico avere già del colostro congelato per integrare il neonato vulnerabile nei primi giorni di vita”, dice Kathy, consulente Ibclc. “Tuttavia, non c’è certo motivo per cui una madre sana con un neonato sano non possa accumulare un po’ di colostro prima della nascita. È un’idea geniale!”

Avere il colostro a portata di mano è utile anche per quei primi giorni di poppate a grappolo in cui il latte sta ancora calibrando o se, per qualche motivo, hai bisogno di essere separata dal tuo bambino dopo la nascita.

 

Quando farlo?

La tua ostetrica può consigliarti quando puoi iniziare a farlo, ma generalmente si pensa che verso la fine della gravidanza sia l’ideale. “Con una gravidanza sana e normale, perché la stimolazione del capezzolo può innescare contrazioni uterine, direi da 37 settimane in poi”, dice Kathy.

 

Come farlo?

Se non hai mai estratto il latte prima, il processo potrebbe sembrare un po “scoraggiante”. Per prima cosa, non considerare il tiralatte elettrico, almeno inizialmente.

Produrrai e raccoglierai piccole quantità e la stimolazione del tiralatte può essere un po’ eccessiva. La spremitura a mano è la strada da percorrere.

 

Il modo migliore per conservare il colostro è in piccole siringhe sterili. Kathy consiglia di utilizzare la dimensione più piccola (1 ml – 2,5 ml) e poi di congelarla. “Raccogliere il latte con una siringa sterile da 1 ml (che non ha ago) e congelare semplicemente le siringhe piene”. È una buona idea mettere le siringhe piene in un altro sacchetto a chiusura lampo con una data sul davanti, solo per tenere traccia di quando hai raccolto.

 

Ecco come estrarre e raccogliere utilizzando una siringa

Raccogli l’attrezzatura necessaria – Un cucchiaio o un piccolo contenitore e le siringhe (assicurati che lo stantuffo sia inserito completamente in posizione). Assicurati che tutto sia appena lavato / sterilizzato e che le tue mani siano pulite.

 

Siediti comodamente (il più comodamente possibile durante la fine della gravidanza) e cerca di rilassarti poiché renderà più facile l’intero processo.

Inizia a spremere delicatamente a mano usando le linee guida sopra. Alcune mamme possono trovare calore da un impacco caldo e / o da un leggero massaggio.

 

Mentre continui ad estrarre, potresti notare la formazione di gocce di colostro sul capezzolo. Se NON noti nulla, niente panico! Possono essere necessari tempo e un paio di giorni di stimoli per far funzionare le cose. Continua a massaggiare per alcuni minuti o finché non ti senti a tuo agio, anche se non appare nulla, poiché questo getterà le basi per future sessioni di espressione.

 

Se noti la formazione di perline, hai due opzioni; puoi usare la tua siringa per aspirare delicatamente ciascuna perlina direttamente dal capezzolo, oppure puoi raccogliere le perline in un cucchiaio o contenitore e poi aspirarle nella siringa da lì.

 

Qualunque metodo tu scelga, assicurati che lo stantuffo sia completamente in posizione prima di provare a raccogliere qualsiasi cosa e lavorare lentamente. Se noti la formazione di una bolla nella siringa, toccala con attenzione e dovrebbe disperdersi. Continua a riempire finché non hai raccolto quello che puoi, quindi metti le siringhe nella busta etichettata o nel contenitore Tupperware e nel congelatore.

 

 

Liberamente tradotto da:

https://milkbarbreastpumps.com.au/blogs/news/how-to-express-colostrum-during-pregnancy-and-why-you-should-do-it

 

 

 

 

Samantha Mazzilli

Mamma della provincia di Varese.
Dal 2016 Peer Counselor (Custodi del Femminino ®️) in Allattamento Materno.
Custode della Nascita ®️ per offrire supporto e sostegno pre e post gravidanza Educatrice Mestruale®️ in attesa di colloquio finale.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *