Allattamento Il sonno del piccolo

Ritmi circadiani del latte materno

 

346499418012c62f75aea81be2a99745

I complessi adattamenti del latte materno sono sorprendenti.  Il latte materno subisce cambiamenti biochimici durante la poppata;  la consistenza si sviluppa visivamente nel corso di una sessione di drenaggio dal latte iniziale acquoso al latte più cremoso.  Il latte materno ha anche la capacità di provvedere alle mutevoli esigenze nutrizionali del bambino con l’età. Le percentuali dei livelli di grassi e proteine ​​cambiano nel tempo per soddisfare le crescenti esigenze energetiche dei bambini più grandi. Se questi cambiamenti nel latte materno non ti colpiscono, una ricerca recente suggerisce che la sua composizione si sposta in sincronia con i ritmi circadiani delle madri dando ai bambini allattati un vantaggio nello sviluppo neurologico e nei ritmi di sonno.

 

Le madri che allattano potrebbero essere sorprese dal fatto che i bambini allattati al seno dormono, in media, 45 minuti in più a notte e sperimentano meno coliche rispetto ai loro coetanei nutriti con formula. 

 Le variabili che influenzano il sonno infantile sono notoriamente difficili da misurare in isolamento, ma  negli ultimi anni alcuni scienziati hanno iniziato a considerare la biochimica del latte materno come una potenziale fonte di “crononutrizione”. I risultati interessanti includono diverse sostanze che variano in base ai ritmi circadiani della madre, tra cui alcuni aminoacidi, melatonina, oligoelementi e persino alcuni nucleotidi, i mattoni di molti importanti processi biologici.

 

Nel 2008, alcuni ricercatori spagnoli hanno prelevato campioni di latte materno da 77 donne con intervallo di tre ore e hanno misurato i livelli di 16 aminoacidi. Di questi, sono stati trovati quattro aminoacidi che sono precursori dei neurotrasmettitori di attività (aminoacidi di “veglia”) raggiungere il picco durante il giorno e raggiungere i livelli più bassi di notte.  Al contrario, il triptofano, un precursore della melatonina conosciuta per provocare sonnolenza, raggiungeva i suoi picchi durante la notte.  Mentre questi indicatori del ritmo circadiano degli aminoacidi non sono presenti durante la fase del colostro (ad eccezione del triptofano), sembrano aiutare a informare lo sviluppo neurologico del neonato durante i periodi transitori e maturi del latte.

 

Un altro studio spagnolo ha confermato il ritmo circadiano del triptofano nel latte materno e ha portato avanti la ricerca studiando i livelli di un metabolita della melatonina (prodotto di decomposizione) estratto dall’urina nei pannolini dei bambini allattati al seno. Lo studio del pannolino è valso la pena;  non solo il metabolita della melatonina mostrava chiari ritmi circadiani nei bambini allattati al seno, ma il suo ritmo era anche collegato ai livelli di triptofano delle madri. I grafici sono sorprendenti nella loro sincronicità, con i livelli dei bambini che mostrano un leggero ritardo per consentire la costruzione e il metabolismo della melatonina prima che il suo metabolita venga escreto.

 

L’ormone melatonina regola il sonno e viene sintetizzato nell’organismo dall’aminoacido triptofano. È noto che i bambini allattati al seno hanno ritmi di sonno migliori e un ciclo sonno / veglia migliori dei bambini allattati con artificiale (formula adattata).

Da uno studio è stata osservata una relazione temporale tra il ritmo circadiano della 6-solfatossimelatonina dei bambini allattati esclusivamente al seno e quello del triptofano nel latte materno. 

Ciò è particolarmente importante durante le prime settimane di vita, quando i bambini non stanno ancora producendo  melatonina. Poiché l’ormone svolge sia un ruolo ipnotico e rilassa anche i muscoli gastrointestinali, la melatonina del latte materno potrebbe essere un fattore importante nello sviluppo neurologico precoce dei cicli sonno / veglia, nonché nella riduzione dell’incidenza delle coliche.

Gli scienziati hanno trovato altre sostanze nel latte materno che seguono i ritmi circadiani, ma gli scopi o le cause rimangono poco chiari.  Il ferro, ad esempio, ha i picchi a mezzogiorno, i picchi di vitamina E alle 18:00 circa e il magnesio e lo zinco sono entrambi ai massimi livelli al mattino. Anche il sodio e il potassio seguono variazioni prevedibili del latte materno durante il giorno, ma né il meccanismo né il possibile impatto di questi cambiamenti sono ancora compresi. Il contenuto di grassi mostra cambiamenti significativi durante la notte;  ciò, tuttavia, potrebbe essere correlato ai cambiamenti nella frequenza delle poppate piuttosto che ai ritmi circadiani determinati a livello cellulare. 

In breve, i ricercatori stanno appena iniziando a scoprire le molte nuove implicazioni della variazione giorno / notte nel latte materno.

 

Per le madri che allattano, ci sono due messaggi chiari:

  1. LA FORMULA NON PUÒ AVERE CONFRONTO

L’unicità del latte materno su misura per il normale sviluppo neurologico e biologico rimane incontestata da qualsiasi azienda di formula al mondo.  La formula non include la melatonina e altri importanti componenti crononutritivi e nessuna formula ha ancora raggiunto ritmi circadiani nella composizione.

 

  1. IL LATTE AL SENO INFLUISCE SUI RITMI DEL SONNO DEL BAMBINO

L’etichettatura del latte tirato con ora del giorno di raccolta può aiutare a mantenere la preziosa connessione tra i componenti del latte materno e il sonno infantile anche quando la madre deve assentarsi.

Mentre gli scienziati continuano a esplorare la composizione biochimica del latte materno, potremmo trovare nuove chiavi per svelare i segreti della crononutrizione, dello sviluppo neurologico e dell’attività ormonale.  Fino ad allora, continuare a sostenere le madri che allattano migliora la salute delle generazioni future in molti modi, alcuni dei quali stiamo solo iniziando a capire.

Un ritmo circadiano può essere paragonato a un orologio corporeo interno che influenza i ritmi di sonno e nutrimento per 24 ore.

 

Fonte: 

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16380706/

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *